i bolli delle colonie
Il catalogo online dei francobolli per le colonie del Regno d'Italia



Isole Italiane dell'Egeo - Scheda generale


L'occupazione italiana delle isole dell'Egeo (Rodi e l'arcipelago delle Sporadi) ebbe luogo nel 1912, durante la guerra italo-turca per il possesso della Libia. I motivi furono essenzialmente militari: assicurarsi basi più vicine per i rifornimenti, e impedire il traffico di armi e di armati tra la costa asiatica e le isole.
Il 4 maggio 1912 la IV Divisione, al comando del generale Giovanni Ameglio, sbarcava a Calitea, nell'isola di Rodi, completamente occupata il 15 e il 16 maggio. Ma già in precedenza, il 28 aprile, truppe italiane, al comando dell''ammiraglio Presbitero, avevano occupato l'isola di Stampalia. L'11 e 12 maggio furono occupate le isole di Calimno, Lero, Lipso, Nisiro, Patmo e Scarpanto; il 20 maggio le isole di Carchi, Cos, Piscopi e Simi.

Le 13 isole dovevano essere restituite alla Turchia , secondo gli accordi italo-turchi di Losanna (28 ottobre 1912), quando fosse stata completata la partenza dei presidi turchi dalla Libia; ma, con il Trattato di Sèvres del 10 agosto 1920, la Turchia rinunciò, a favore dell'Italia, alle isole del Dodecanneso e a quella di Castellorizo (Castelorosso).

Furono occupate nel settembre 1943 da truppe tedesche, che rimasero nel Dodecanneso sino all'aprile del 1945 , e poi occupate e presidiate da truppe inglesi.
Dopo la seconda guerra mondiale, passarono definitivamante alla Grecia.

Prima dell'occupazione italiana, a Rodi esistevano uffici postali dell'Austria e della Francia, oltre che della Turchia; per breve tempo funzionò anche un ufficio egiziano a Rodi e a Lero.

TORNA SU

C'è qualcosa che non va in questa pagina? Vuoi dare un tuo contributo?
Contattami. Anche un piccolo appunto può servire a far grande questo sito